OLIVIA – Vaso Nero

600,00

Ideale e simpatico regalo per una cena o festa, l’Olivia è un elegante elemento di design Italiano.

Disponibilità: in stock
Spedizione: in 24 ore – solo 2 in stock
Dimensione: Cm 21×20 / 8,27″ x 7,87″ / 5 l
Materiali: Vetro di Murano
Peso: 1420 gr
COD: VOL01-000-008-1-1 Categoria: Tag: ,

Descrizione

“Ho pensato al vaso Olivia come un omaggio a un’amica che porta questo nome e che condivide con l’oggetto forza e semplicità”.

Olivia è realizzato in vetro soffiato, ha una forma basilare ed privo di qualsiasi orpello: il volume si sviluppa senza base in una sagoma tondeggiante per chiudersi in una bocca molto più stretta. Il vetro opalescente rende omaggio alla grande tradizione muranese che aveva fatto dell’iridescenza uno dei motivi di vanto e di competizione: un vetro capace di imitare i mille riflessi della laguna.

Olivia si sposa con ogni interno, sobrio o barocco, la sua essenzialità ma al contempo l’inafferrabilità cromatica lo rendono senza tempo e luogo. Ricorda quella bella Natura morta con vasi di Murano di Bruno Croatto (1948) in cui un vaso di Murano si sposa con le cineserie e i gioielli di una toletta degli anni quaranta.

Il Designer

La vita di Giberto Arrivabene Valenti Gonzaga, è visceralmente legata a Venezia. Le memorie infantili, le più belle, sono quelle che si sono formate nelle stanze di Palazzo Papadopoli, tra gli affreschi del Tiepolo e gli affetti familiari.
“Nei miei primi ricordi Venezia aveva altri colori. Era più spenta, drammatica, distrutta, profondamente romantica. Bellissima. Non c’era la luce di oggi, più scintillante, forse, ma meno poetica”.

Lavorazione a Mano

Ogni singolo pezzo nasce da uno schizzo di Gibi fatto ad acquerello su carta lucida: “Quando vedo qualcosa che mi ispira o un oggetto che mi piace, lo disegno e lo rielaboro. Poi si passa alla realizzazione”.
Il vetro, materiale principale nelle collezioni, viene lavorato a Murano.

Ogni bicchiere, ogni specifico oggetto viene soffiato dai maestri vetrai nelle fornaci veneziane.

Giberto porta loro i suoi acquarelli e li discute per perfezionare il progetto, verificarne la fattibilità, e apportare eventuali modifiche. Una volta realizzata la forma desiderata, viene il momento della decorazione.